I dati delle ricerche di Google

Se vi dico che Google da anni è il motore di ricerca più utilizzato al mondo, non credo di dire una novità. Lo stesso se dico che chi è posizionato in alto nella prima pagina delle ricerche (serp) riesce ad ottenere un maggior numero di visitatori. Ma come scoprire quali sono i termini di ricerca più validi per il proprio sito?keywordsI contenuti testuali di un sito sono il vero “tesoro” per chi desidera ricevere visibilità tramite i motori di ricerca. Scrivere spesso, o parlare esclusivamente, di un determinato argomento, aiuta i motori di ricerca ad intuire che tale sito può essere di interesse a chi effettua una ricerca con termini presenti nei contenuti del sito in questione. Uno degli strumenti più validi che uso da tempo per determinare i termini da inserire negli articoli dei blog, si chiama Google Trends.

Google Trends

Google Trends oltre ad essere uno strumento per scoprire cosa maggiormente interessa e cerca nell’ultimo periodo su Google, ha un importante funzione che permette di confrontare, tramite un grafico, due o più termini di ricerca.
E’ chiaro che chi usa i motori di ricerca utilizza svariati termini o frasi per individuare il contenuto che desidera. E’ quindi importante per chi scrive analizzare quali termini sono migliori e quindi inserirli nel proprio contenuto (anche più volte, ma senza esagerare) e valorizzarli con in strong, em, alt delle immagini, o meglio ancora per decidere quale titoli H1, o internamente nel testo H2, possono risultare più efficaci per i motori.

esempio Google Trends:

google-trendsUn sito di un caseificio, che probabilmente ha intenzione di vendere i propri prodotti tramite internet, può accorgersi che le ricerche degli utenti di Google, in base ai propri prodotti, sono più o meno utilizzate semplicemente inserendo al singolare o al plurale lo stesso termine. Google da tempo riesce a interpretare ed associare al meglio termini singolari a quelli plurali nei propri risultati, ma offrire contenuti mirati sui termini giusti possono fare la differenza.

Google Adwords: Strumento per le parole chiave

Un altro valido tool offerto da Google si chiama Strumento per le parole chiave, il dato numerico (approssimativo) delle volte che una determinata parola chiave è stata cercata. Questo permette di intuire il volume che si può raggiungere riuscendo a scalare e raggiungere i primi risultati della pagina di Google. Questo “Strumento per le parole chiave” è molto utile per trovare anche validi sinonimi che magari non ci erano venuti in mente.

esempio Strumento per le parole chiave:

google-adwordsTornando al sito del caseificio noteremo che in questo caso sono presenti anche i dati numerici a fianco alle parole interessate.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.