Nuovi formati di Adsense: Riflessioni

Ormai è ufficiale e ne hanno parlato un po’ tutti, anche perché è impossibile non accorgersi, per chiunque abbia degli annunci AdSense sulle proprie pagine, della modifica grafica apportata alla firma di Google. Privatamente con i miei contatti ho discusso in merito ai nuovi formati AdSense, e non tutti sono pienamente soddisfatti. A partire dal fatto che è impossibile non sentirsi tagliati fuori dalle decisioni… Google decide noi stiamo a vedere (e il contratto lo prevede). Questo è un discorso a parte sull’affidabilità dei nuovi formati, il miglioramento forse c’è stato ma le percentuali sono minime ed io non posso apprezzarlo dai miei dati…

nuovi formati adsense

Diciamo che questa nuova “ondina” sulla firma (visibile quando è attivato il contorno), può tornare utile ed essere integrata con qualche nuova idea nel layout delle nostre pagine, anche se questo ci costerà uno studio.
Purtroppo devo constatare che in pagine a sfondo bianco con testi grigi (un po’ chiari) il peso della firma nera è forse eccessivo.

Mi chiedo però, quale sia il vero scopo di questa nuovo formato, anche perchè ho il presentimento che sia stata una mossa decisa prima ancora di fare i test durati poco più di un mese, su tutte le nostre pagine. E’ evidente che gli annunci testuali, funzionano e la comunità sempre più si affida a questo tipo di affiliazione, ed è anche vero che la concorrenza sfrutta lo stesso sistema grafico e dimensionale per i propri annunci sponsorizzati presenti su altre pagine.
A me sembra di vedere, con questa nuova mossa, il tentativo di Google di proteggere marchiando i propri annunci, da possibili servizi “copioni” che con un estetica familiare possano mostrare annunci poco affidabili.

Posso pensare che uno dei maggiori lavori manuali di Google, inteso come lavoro operato da persone, è quello offerti dagli operatori di AdWords che certificano la validità di tutti gli annunci, dedicando maggior attenzione a questi punti:

  • Testo annuncio
  • Titolo annuncio
  • parole chiave
  • contenuti sito validi

Questi elementi fanno sì che, ad apparire nelle nostre pagine, ci siano annunci quanto più correlati possibili ai nostri testi, ma soprattutto link a pagine valide. E questo lavoro richiede un indiscutibile dispendio di ore lavorative che Google posso immaginare voglia tutelare.

4 Risposte a “Nuovi formati di Adsense: Riflessioni”

  1. dal momento che tutti gli annunci che uso sono privi di bordo non mi ero accorto dell'”ondina”. sicuramente è un modo per marchiare gli annunci e distinguerli dalle decine di imitazioni che si trovano ovunque. esteticamente pero’ non sono il massimo, secondo me. e le percentuali a me sono rimaste invariate, anzi in lieve flessione, per essere sincero.

    /n.

    Rispondi

  2. Fondamentalmente non cambia un granchè.. vero che con il bordo scuro l’ondina risulta un po’ pesante, ma tutto sommato è gradevole e si distingue meglio.

    Rispondi

  3. pierfrancesco99 10 Aprile 2007 alle 03:46

    Secondo me è un ottima mossa da parte di Google sia perchè questo tipo di annunci è a parer mio esteticamente meglio sia pxke come dici tu massimo Google deve giustamente tutelarsi :)

    Rispondi

  4. Penso che, come dice Pierfrancesco, google ha preso due piccioni con una fava: tutelarsi dal sempre maggiore numero di annunci simili e rinnovare la grafica.

    ps. complimenti per il blog, è ottimo!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.