Su PlayBoy, la ragazza senza ombelico!!

PlayBoy la famosa rivista osé per il pubblico adulto, si è trovata al centro di un imbarazzante situazione. E’ apparsa qualche tempo fa su uno dei dei suoi bei paginoni patinati una ragazza priva di ombelico, è evidente che chi ci ha “messo mano” all’immagine, deve essersi dimenticato di riposizionare il particolare dopo il aver ritoccato il ventre della signorina, generando non poco malumore tra i lettori…

playboy senza ombelico

Proprio così, sono state diverse le proteste degli “affezionados” di PlayBoy. Quasi non si sapesse che tutte quelle belle foto, di altrettante belle signorine ben poco vestite, non fossero ritoccate… o almeno il piacere del dubbio faceva sognare i lettori della perfezione di queste belle ragazze.
Clicca qui per vedere l’immagine intera.

27 thoughts on “Su PlayBoy, la ragazza senza ombelico!!”

  1. In premio riceverai lo stesso trattamento offerto alla signorina!!
    Complimenti davvero!! Quando vuoi passa a ritirare il premio.
    Lo sapevo che questo post finiva così!!

  2. Ma se è solo la prima edizione dell’ “allusione contestâ€? !!!!!
    Si sa che è un’onorificenza ed un premio molto ambito e non puoi di certo cederla così facilmente.
    Ancora complimenti 😉

  3. se postassi una roba che ho fatto, mi beccherei una denuncia colossale ma almeno sentire direi qualcosa tipo: ma le veline no nerano tutte fighe ?

  4. @vision-x: da un fotografo professionista, anche alto livello, in via del tutto riservata ho avuto la possibilità di vedere le foto prima e dopo… sono rimasto senza parole!

  5. Direi che fanno piangere dalla tristezza. Lo dico sempre io alla mi mamma… non credere a quello che vedi in TV, ma ancora meno a ciò che vedi su carta 🙂

  6. gia’ che facciamo salottino dal demm:

    facciamo un live workshop intitolato “credi sia aria quella che respiri?”
    tu posti una foto e io la ritocco a bomba come la vorrebbe uno studio
    e poi posto il risultato.

  7. Sarebbe una figata. Sarebbe una figata avere tempo di farlo anche. Comunque merlinox (at) gmail.com, teniamoci in contatto.
    Sul mio blog avevo anche lanciato un piccolo torneo di “jpeg tennis” ma non ha avuto successo.

  8. Io il ritoccatore lo faccio di professione… ma cosa si crede la gente? che esista un immagine che venga stampata su una qualsiasi rivista senza esser ritoccata? che popolo di illusi che siamo ragazzi… vedo le immagini che mi arrivano da ritoccare, le modelle viste cosi al nature sono al limite della decenza… poi conoscerle dal vero e vederle senza trucco… beh.. diciamo che in molti casi anche mia nonna potrebbe fare la modella…

  9. beh aggiungerei che pochi hanno idea di cosa ******tocca fare****** in fotoritocco.
    comprensibilmente una perosna normale non riesce ad immaginare di che livello di grnadezza sono i nostir interventi.

    la parola stessa ri-tocco suggerisce di un’idea di modifca marginale e non sostanziale

  10. Pasta all’uovo cotta nella camomilla per farla sembrare più gialla nelle riviste di cucina, il ritocco non è solo merito di programmi grafici, si fa ritocco sempre e da sempre.
    Le modelle vengono spalmate di olio per dare un certo effetto lucido alla pelle, si può dire che il ritocco elettronico è solo l’ultimo arrivato in termini di tempo.
    Certo è che fa impressione immaginare che i nostri sogni vengano ritoccati senza ritegno alcuno da questi signori della carta patinata, la ragazza senza ombelico fa impressione più che altro perché ci fa sembrare stupidi, nessuno degli assidui lettori di Playboy, e immagino che tra loro si nascondano molti “ritocchisti”, possono arrivare a immaginare che i loro idoli di carta non possano essere vere così come si vedono.
    La mente umana ci rende stupidi quando non riusciamo ad afferrare l’essenza della dura realtà: Photo Shop.

  11. Pingback: AltraOttica » Blog Archive » Videoteca – Operation Photo Rescue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.